La vita a rovescio di Simona Baldelli -una recensione di Cristina Converso-

La vita a rovescio di Simona Baldelli -una recensione di Cristina Converso-

Ho scoperto la Baldelli con la lettura del Vicolo dell’immaginario, e sono stata da subito attratta dalla struttura della storia, dai suoi intrecci e da come i protagonisti siano uniti dalla vita e per la vita. Ma questo è un altro stupendo libro, ora torniamo alla Vita a rovescio, già, perché così è stata per me, la scoperta di questa autrice, al rovescio.

Dopo aver iniziato la mia cura Baldelliana dalla sua ultima produzione sono andata a ritroso, e la scelta è caduta su questo libro dal carattere storico, ma attualissimo nel tema: l’amore saffico.

Il contesto storico è perfetto, nessun aspetto è lasciato al caso. Il lavoro di documentazione fatto a monte della stesura è portentoso, atmosfere, ambientazioni, costumi, intesi sia come indumenti che come abitudini dell’epoca, sono narrati con una nitidezza in cui il lettore si può davvero specchiare.

Tutti i sensi vengono solleticati, l’olfatto, la vista, il gusto, animano ogni pagina.

Le due protagoniste, o forse le quattro o cinque, sono tratteggiate in maniera perfetta, ruoli, ambizioni, sofferenze, desideri, lussuria, tentazioni.

Donne all’inizio, donne durante e donne alla fine.

Donne che agiranno per amore e per vendetta, per orgoglio, per stupida ignoranza, per arroganza e infine, nelle ultime pagine per disprezzo del proprio genere, legate ad abiette consuetudini.

Ho amato il fatto che siano stati i versi di un libro a fare innamorare le due protagoniste, una storia iniziata con tenerezza e cresciuta in passione.

Tra le pagine, una nuvola, o forse l’idea di un sogno, quello di Bradamante, accompagna la protagonista, Caterina Vizzani negli anni della vita e le da il coraggio di diventare “uomo”, per amore di Margherita.

L’incredibile storia vera della Vizzani, da cui la Baldelli trae spunto, è commovente, per quanta purezza possa esserci nell’amore tra due esseri umani a prescindere dal genere.

Ma era nuda, mica poteva presentarsi così alla festa. Sul letto c’erano i regali delle donne. Indossò un vestito bianco, le stava a pennello, fece qualche passo e le venne da ridere perché la gonna le solleticava le gambe, non era più abituata. Raccolse la stella lasciata da Fiordispina e l’appoggio sul petto. Ne scaturì una luce potente che rischiarò il cubicolo. “I sogni illuminano il cammino e fanno vedere lontano”.

Libro consigliatissimo, anzi obbligatorio!

Cristina Converso

 

#lelibraiediviapiol
#antonellaecristinalibraie
#tizianalibraia
#lauralibraia

No Comments

Post A Comment